Storia della Scuola

L’Istituto Statale d’Istruzione Superiore “Vincenzo Manzini” di S. Daniele del Friuli è nato nel 1976, all’indomani del terremoto, come sede staccata dell’I.T.C. “A. Zanon” di Udine.

La sede di Piazzale IV Novembre (sul Marcjât) ospitava in precedenza le Scuole Elementari, le Medie e alcuni laboratori dell’Avviamento Professionale. 

Nel 1982 ha ottenuto l’autonomia amministrativa con i corsi per ragionieri e geometri.

Negli anni successivi l‘Istituto è sensibilmente cresciuto:

  • nel 1991 nasce il corso di maxisperimentazione linguistica;
  • nel 1996 viene aggregato il Corso I.P.S.I.A. per operatore/tecnico meccanico (attualmente non attivo);
  • dal 2001 è attivo il corso di Liceo Scientifico;
  • dal 2010-2011 i corsi assumono la denominazione e il curricolo di studi attuale. 

L’I.S.I.S. “Vincenzo Manzini” è una struttura pubblica che è stata in grado di assicurare nel tempo la formazione di intere generazioni di studenti del territorio collinare. La scuola si colloca in un ambito caratterizzato dallo sviluppo di una fiorente tradizione commerciale e artigianale ed è consapevole della propria identità territoriale; è un’istituzione aperta a contributi creativi e responsabili di tutte le sue componenti, al fine di tradurre in atto il diritto allo studio, lo sviluppo delle potenzialità dello studente, il recupero di eventuali situazioni di svantaggio. Il carattere pubblico, l'assolvimento di un prezioso servizio sociale di formazione culturale e civile dei giovani, la consolidata certezza e tradizione di scuola quale luogo di formazione di intere generazioni, sono gli elementi distintivi di questa istituzione scolastica. 

L’Istituto presenta una variegata offerta curricolare data dalla presenza di quattro corsi di studio: Liceo Linguistico, Liceo Scientifico, Amministrazione Finanza Marketing e Costruzioni Ambiente Territorio.

 

img Manzini

 

L’istituto è intitolato ad un illustre sandanielese: Vincenzo Manzini.

Nato a Udine nel 1872, è stato uno dei più prestigiosi protagonisti della moderna scienza penale. Ha lasciato opere fondamentali come il “Trattato di Diritto Penale “ e il “Trattato di Diritto Processuale Penale”.

Queste opere costituiscono tuttora, nel loro insieme, la più completa esposizione unitaria della scienza penale. Fu condirettore degli “Annali di diritto e di procedura penale”.

E’ stato avvocato, giurista, docente di diritto e procedura penale all’Università di Ferrara, Sassari, Siena, Pavia, Torino e Padova.


Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più consulta l’informativa estesa sui cookie. Proseguendo la navigazione, acconsenti all’uso dei cookie.